EMDR

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L’EMDR (dall’inglese Eye Movement Desensitization and Reprocessing, Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari) è un approccio terapeutico utilizzato per il trattamento del trauma e di problematiche legate allo stress, soprattutto allo stress traumatico.

Secondo questo approccio, la patologia va considerata come informazione immagazzinata in modo non funzionale. Quando avviene un evento ”traumatico”, infatti, viene disturbato l’equilibrio eccitatorio/inibitorio necessario per l’elaborazione dell’informazione. 

Ciò provoca il ”congelamento” dell’informazione nella sua forma ansiogena originale, nello stesso modo in cui è stato vissuto. Questa informazione ”congelata” e racchiusa nelle reti neurali non può essere elaborata e, quindi, continua a provocare patologie come il disturbo da stress post traumatico (PTSD) e altri disturbi psicologici.

L'EMDR prevede una rielaborazione dell'informazione attraverso movimenti oculari o altre forme di stimolazione alternata destro/sinistra, per ristabilire l’equilibrio eccitatorio/inibitorio e provocando così una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali. L’esperienza viene così integrata in uno schema cognitivo ed emotivo positivo e può essere utilizzata in modo più funzionale.

Dopo alcune sedute di EMDR il cliente ricorda l’evento, ma il contenuto è totalmente integrato in una prospettiva più adattiva. Il ricordo dell’esperienza traumatica, quindi, fa parte del passato e viene vissuto in modo distaccato. L'evento diviene un “ricordo lontano”, non più disturbante o pregnante dal punto di vista emotivo.